PRODOTTI TIPICI LOCALI

th

La Cipolla Bianca di Margherita I.G.P.

Alla cipolla bianca di Margherita di Savoia è stato riconosciuto il marchio I.G.P.(Indicazione Geografica Protetta) rilasciato dall’Unione Europea.

La cipolla bianca è ufficialmente iscritta nel Registro europeo delle denominazioni protette dal 7 ottobre 2015 allorquando la Commissione Europea ha registrato il marchio I.G.P. (Indicazione Geografica Protetta) per la Cipolla bianca di Margherita riconoscendo alla stessa le caratteristiche descritte nel disciplinare di produzione.

In relazione al periodo di produzione è possibile classificare quattro differenti ecotipi locali, marzaiola o aprilatica, maggiaiola, giugnese e lugliatica. La cipolla marzaiola è più piatta mentre la cipolla di luglio è più arrotondata.

L’area di produzione è situata sulla costa nord – est della Puglia ai piedi del Gargano tra il mar Adriatico e le Saline di Margherita di Savoia, e comprende i territori di Margherita di Savoia, Zapponeta e parte di Manfredonia. In quest’area il terreno sabbioso è ideale per la produzione  di dolci e teneri prodotti di forma perfetta. La “Cipolla bianca di Margherita I.G.P.” è coltivata da tre secoli  su questo terreno con la stessa tecnica di produzione.

Si tratta di un prodotto fresco caratterizzato da un bulbo bianco, tenero e con un alto contenuto di zuccheri: Il suo gusto è dolce, succulento e croccante con colorazione bianco perlaceo uniforme. Ha una bassa pungenza, buon contenuto di Vitamina C e basso contenuto di nitrati.

La Cipolla bianca di Margherita I.G.P. è riconoscibile dal logo, che la ritrae su uno sfondo in cui appaiono spiaggia, mare e sole della Puglia.

cipolla-bianca-di-margherita1

La cipolla bianca ha da sempre recitato un ruolo importante nell’alimentazione tradizionale margheritana sia per la preparazione di alcune portate, sia come ingrediente in piatti locali e nazionali, sia per il condimento di insalate.

La cipolla bianca di Margherita I.G.P. assume forma tipica perfetta con colorazione bianco perlaceo uniforme.

Possiede, inoltre, caratteristiche uniche riassumibili nella particolare succulenza e dolcezza, bassa pungenza, buon contenuto di Vitamina C e basso contenuto di nitrati.

Ricette:

Cipolle al forno

cipolle-al-forno

Ingredienti per 4 persone:

un chilogrammo di Cipolle bianche fresche di forma schiacciata
qualche rametto di Menta fresca – cinque o sei cucchiai di Olio Extra Vergine di Olive 
quattro o cinque cucchiai di Aceto di vino bianco 

quanto basta di Sale Fino e Pepe Nero appena pestato al mortaio

Pulire le cipolle, tenere un’oretta in acqua, perché scarichino un eccesso di forte sapore ed odore. Praticare un taglio a croce sul fondo e porre in una teglia a bordo alto, che superi di due dita l’altezza delle cipolle. Salare, pepare, irrorare d’olio e aceto e aggiungere qualche foglia di menta, aggiungere acqua finché le cipolle non ne siano coperte a filo, cuocerle dolcemente su fornello minimo finché non saranno tornate quasi del tutto a condimento. Far dorare in forno a 200°C.


PRODOTTI-TIPICI

I PRODOTTI TIPICI LOCALI

La Patata di Margherita

patate

La patata a pasta gialla, così definita per via del suo colorito giallognolo, ha caratteristiche che la rendono unica. Il suo gusto particolare ha origine dal terreno sul quale cresce, una lingua di sabbia cioè esattamente a metà tra il mare e le saline. Anche il suo metodo di coltivazione non è comune perché, stando alle parole degli agricoltori locali, prevede l’inseminazione del terreno e una prima raccolta per poi essere ripiantata e raccolta una seconda volta.

Da questo processo deriva il nome di patata bisestile.

In cucina la si apprezza particolarmente, buona per ogni tipo di ricetta, dall’antipasto al dolce.

___________________________________________________________

Ricette:

 Pasta e Patate:

pasta e patate

Ingredienti per 4 persone: 300 gr. di spaghetti spezzettati – 4 patate grandi – ½ cipolla – ½ dado – Olio extravergine di oliva q.b. – Sale q.b.

Tempo di preparazione: 30 minuti

Preparazione Ricetta: Sbucciate le patate, lavatele e tagliatele a dadini. In un pentolino mettete a soffriggere la cipolla con un po’ d’olio fino a farla dorare.

Aggiungete le patate tagliate e fatele andare qualche minuto con la cipolla girando con un cucchiaio di legno per non farle attaccare alle pareti del tegame.
Versate dell’acqua nel pentolino fino a ricoprire completamente le patate di almeno un paio di centimetri, mettete un dado e lasciate cuocere.

Quando arriva a ebollizione aggiungere gli spaghetti spezzettati in modo che si cucinino insieme alle patate e si insaporiscano.

Assaggiate la pasta per controllare la cottura, quando sarà ultimata, aggiustate di sale e servite.

___________________________________________________________

Riso patate e cozze

tiella-barese

La tiella di riso patate e cozze  viene preparata in una teglia con un letto di patate, pomodorini e cipolla a cui sovrapporremo uno strato di cozze condendo con prezzemolo, aglio e olio. Ecco tutti i passaggi per cucinare la tiella di riso barese.

Disponete nella teglia prima le cipolle, poi fate uno strato di patate ed infine uno strato di pomodori regolando di sale e pepe e distribuendo un poco di prezzemolo tritato ed una spolverata di formaggio.

A parte lavate le cozze e con un coltellino affilato apritele, eliminando metà del guscio e recuperando in una scodella il liquido contenuto che andrà successivamente filtrato. Distribuite le cozze a raggiera sui pomodorini.

Cospargere le cozze con il riso crudo, versate nella teglia il liquido delle cozze che darà più sapore e profumo e realizzate un secondo strato di patate.

Aggiungete altri pomodori e qualche altra cozza. Distribuite un altro poco di riso, il prezzemolo, qualche cucchiaio di olio ed infine cospargete col formaggio grattugiato e col pangrattato. Aggiungete acqua fin sotto lo strato di formaggio e pangrattato.

Infornate a 200 °C, proseguendo la cottura per circa un’ora e posizionando la teglia in basso nel forno. Al termine lasciate riposare 10 minuti prima di servire in tavola.


Pizza di patate

pizza-di-patate-

Lessare e pelare le patate e passarle nello schiacciapatate.

Condire la purea con burro, uovo, sale, latte e parmigiano.

Ungere una pirofila col burro e cospargere con pangrattato, quindi stendere metà dell’impasto di patate.

Farcire col prosciutto cotto e la scamorza affumicata tagliata a dadini e ricoprire con l’impasto rimasto.

Tracciare dei solchi sulla superficie con i rebbi della forchetta e cospargere con pangrattato e fiocchetti di burro.

Infornare nel forno ventilato a 180° per 45°.

Passare 5 minuti sotto il grill fino ad ottenere una superficie dorata e croccante.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito web o un blog su WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: